ANNABELLE E LE NUVOLE SOTTO IL SOLE

ANNABELLE E LE NUVOLE SOTTO IL SOLE

cop_amp

di Anna Maria Petrova

I versi di Anna Maria Petrova-Ghiuselev configurano un percorso evocativo all'interno del quale talune nomenclature della geografia bulgara si rincorrono nella mia memoria, per aver avuto, in tempi remoti, l'onore e l'onere di occuparmi dei rapporti culturali dell'associazione Italia-Bulgaria, e per questa ragione, di aver percorso e frequentato luoghi irripetibili nella memoria, da Sofia alla deliziosa Plovdiv, con suggestive puntate verso il mare di Varna, ricco di percezioni impressioniste, come se da quella sabbia deliziosa spuntassero all'improvviso i fiori più che le spine che Anna Maria vede e celebra nelle sue liriche. Le quali ultime posseggono un ritmo di scansioni in cui il nodo della memoria interviene fino a tenere bene uniti i filamenti di un émpito poetico sotteso di suoni e marcature: sicché i singoli nodi tematici che sono al fondo dell'ispirazione consentono all'intero novero espressivo di distendersi, accompagnato da onde non soltanto sonore, bensì in grado di occupare l'intero patrimonio della vita, degli incontri, dei sobbalzi, di tutto quanto insomma appartiene all'universo sconfinato della poesia. Ecco allora che linguaggio e memoria si fondono, fino a costruire un sostanzioso e consapevole spazio unitario e globale, dal quale ' e non è davvero poco 'una sorta di spirito bulgaro' per come io l'ho conosciuto ' emerge, travalicando la finzione della lingua poetica, e situandosi invece nel patrimonio della ricordanza. WALTER MAURO

ACQUISTALO ORA!
Facebook